Facebook si è vista aprire una indagine da parte dell’antitrust tedesco a causa di una presunta violazione della legge sulla protezione dei dati personali.

Le autorità sostengono che i termini di servizio di Facebook relativi all’uso dei dati personali degli utenti potrebbero costituire un’abuso di posizione dominante all’interno del mercato dei social network.

Già a febbraio Facebook èra stato preso di mira dal Cnil (Commissione nazionale dell’informatica e delle libertà) francese che ha intimato al colosso americano di smettere l’esecuzione di un Cookie attraverso il quale la società monitorava gli utenti che visitavano le pagine del loro social pur non essendone iscritte.