Strategia vincente opzioni binarie: l’utilizzo dei canali

In questo articolo vi illustriamo un trade sull’oro, in questo periodo questa materia prima è in fase decisiva e come potete ben vedere dal grafico ha terminato il movimento di pullback.

Foto 1

Comunque abbiamo preferito aspettare la prossima candela prima di intraprendere una eventuale strategia di medio/lungo periodo.
La cosa migliore sarebbe quella di attendere la rottura del livello posizionato a 1140, in questo caso la strada sarebbe tutta in discesa.
Ma visto che il mercato si trova su di una importante resistenza abbiamo voluto implementare una strategia a breve termine perchè studiando più a fondo il grafico ad 1 ora abbiamo notato che è apparso un canale rialziasta.

Foto 2

Se ricordate cosa vi abbiamo più volte detto ricorderete che si inizia ad operare quando il mercato arriva a toccare gli estremi, in questo caso abbiamo avviato una 60 secondi.

Foto 3

L’unica cosa negativa è data dal fatto che il mercato stava subendo ancora troppi rimbalzi sulla resistenza e nel minuto seguente ha chiuso leggermente sopra lo strike sul quale siamo entrati.
Il trader più abile non si fa prendere dall’emotività, segue la sua strategia e si attiva quando il mercato offre delle opportunità concrete.
Quindi, memori di questo abbiamo optato per una opzione ad 1 ora che oltretutto è in perfetta linea con la nostra strategia di partenza.

Foto 4

Come potete vedere la nostra operazione è stata un successo ed ha dimostrato che quando una figura è così evidente non si può non operare.

Foto 5

Facendo un riepilogo di tutta l’operazione siamo riusciti, in soli venti minuti a trarre un guadagno del 72% sul capitale che abbiamo investito.

Trading online, forex o opzioni binarie? quale scegliere?

Il trading online è formato da due capisaldi principali, il Forex e le Opzioni Binarie, infatti sono proprio queste due attività a riempire il palcoscenico delle operazioni di borsa effettuate online.
Queste due tipologie di mercato hanno anche una sorta di rivalità fra loro nel mondo del trading, a tutt’oggi il più frequentato è senz’altro il mercato valutario in quanto gode di una comunicazione pubblicitaria più avanzata e capillare ma le opzioni binarie stanno guadagnando terreno in maniera molto veloce.
Giustamente la domanda che vi stà girando in testa sarà quella di capire quale delle due offre le più consistenti cifre di guadagno.
Non vi è una risposta certa a tale quesito dato che la cosa dipende molto dall’abilità del trader stesso e dalla sua esperienza sul campo, diciamo che, in maniera generale il forex offre maggiori opportunità di introito ma soltanto nel caso in cui, come dicevamo in precedenza, il trader è dotato di molta esperienza e di una altissima conoscenza delle dinamiche con il quale il mercato valutario effettua i suoi movimenti.
Le opzioni binarie ed il forex comunque sono mercati molto differenti fra loro ma hanno una cosa in comune, la volatilità che poi in fin dei conti risulta essere il motore principale per entrambi, se non ci fosse questo fattore non esisterebbe ne il forex ne le opzioni binarie.
Tutta questa mobilità richiede una forte attenzione da parte del trader ed in entrambi i casi risultano essere vincenti le strategie a corto raggio ed i piccoli guadagni ma frequenti.
Nel forex si acquista una valuta per mezzo di un’altra ed il guadagno deriva dal surplus come se stessimo commerciando in commodities o beni.
Nelle opzioni binarie invece si deve effettuare una previsione sull’andamento del prezzo, in salita o in discesa di un determinato bene in un determinato arco di tempo scelto in precedenza, da questo si deduce in maniera molto palese che il forex è molto più difficile da gestire in confronto alle opzioni binarie.
Il forex di per se implica uno studio molto approfondito e difficoltoso per quanto riguarda l’apprendimento di tutte le sue dinamiche e degli strumenti prettamente matematici e statistici come per esempio la leva finanziaria.
Il forex è molto più rischioso e non comprende una percentuale di rimborso delle perdite in caso di investimento fallimentare come può essere nelle opzioni binarie.
Se facciamo un paragone più stretto far i due metodi abbiamo, da un lato guadagni minori e più semplicità, dall’altro guadagni più consistenti ma estrema difficolta di attuazione.
Ma a tutto questo paragone vi è una soluzione molto semplice ovvero quella di utilizzare le opzioni binarie all’interno del mercato forex, infatti quest’ultime permettono la commercializzazione di tutti i beni comprese le valute.
In poche parole puiuttosto che puntare sul rialzo delle azioni Apple si andrà a puntare sul rialzo delle quotazioni dell’euro in confronto al dollaro, secondo noi è un’ottimo compromesso in quanto avremo a nostra disposizione l’estrema facilità di utilizzo delle opzioni binarie affiancata ai complessi strumenti di analisi offerti dal mercato forex.

Investire in Opzioni binarie, conviene è sicuro o scommessa pericolosa, truffa

Oramai la rete è piena di moltissime pubblicità riguardanti le opzioni binarie, queste consistono in una forma di investimento a brevissimo termine e fondamentalmente prevedono di indovinare l’andamento del prezzo di un bene o asset in un determinato arco di tempo.
Molti trader esperti sono convinti che si tratti più di una scommessa da Casinò piuttosto che di uno strumento finanziario.
La rete è invasa da questa tipologia di pubblicità sulle opzioni binarie, questa forma di investimento con ritorni economici consistenti in un breve arco di tempo predeterminato.
Il dubbio dei trader esperti stà proprio nel fatto che attraverso le opzioni binarie il sistema consiste nell’indovinare l’andamento di un prodotto finanziario in salita o in discesa, questa per loro è soltanto una semplice scommessa come un risultato di calcio, la squadra sul quale scommettiamo vince perde o pareggia.
Anche le pubblicità con la loro semplicità non lo fanno sembrare per nulla un’operazione finanziaria ma in realtà non è così, già nel 2012 la nostra CONSOB aveva emesso una comunicazione nel quale sottolineava che tali operazioni rappresentano a tutti gli effetti uno strumento finanziario con tutti i rischi connessi al nostro capitale.
Inoltre ha anche stabilito che tutte le società che offrono tali servizi devono essere sottoposte ad una rigida regolamentazione e devono essere proprietarie di regolare licenza da parte della CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission) che rappresenta il maggior organo regolatore presente in Europa.
Quindi la prima cosa da fare prima di iniziare ad operare con le opzioni binarie attraverso una piattaforma di trading è quella di verificarne l’affidabilità e la sicurezza controllando che sia propriataria di regolare licenza.
Capirlo è molto facile, all’interno del sito della CONSOB vi è una lista che riporta tutti gli operatori autorizzati ad operare oltre ad altre informazioni finanziarie.
Il funzionamento è molto semplice, le piattaforme che permettono di operare con le opzioni binarie richiedono una registazione a tutti gli effetti, la maggior parte delle volte gratuita richiedendo un minimo di deposito che varia attorno ai 100 euro.
Ogni operazione implica un costo fisso già stabilito in precedenza e il trader deve soltanto prevedere se un determinato bene o asset aumenta o diminuisce di prezzo in un determinato lasso di tempo, se la previsione risulterà essere esatta allora il trader incasserà il guadagno altrimenti perderà l’investimento fatto.
Da questo si capisce che nonostante la sua estrema facilità questa tipologia di operazioni rappresenti una vera e propria forma di investimento visto che si andrà ad operare su prodotti soggetti a fluttuazione di borsa, vedi commodities, indici, valute o azioni.
Comunque prima di iniziare ad operare prendetevi del tempo per studiare bene la piattaforma dove andrete ad operare e per iniziare a capirne bene il funzionamento, sulla piattaforma troverete tutte le notizie in merito.